La documentazione al servizio dell'integrazione

Notizie aMo

  • On line la Newsletter di giugno


    In questo numero: presentato il bilancio 2016 di aMo, conti ok; velocità commerciale dei bus sotto analisi; Rumobil, procede il Progetto; Soci di aMo a scuola di mobilità sostenibile; i fondi regionali per gli abbonamenti agevolati; via al cantiere per il risparmio energetico.

Benvenuti

  • Bilancio aMo, conti in ordine anche nel 2016Bilancio aMo, conti in ordine anche nel 2016

    Bilancio in equilibrio nel 2016 per l’Agenzia per la mobilità di Modena, per il settimo anno consecutivo, a fronte di una riduzione ormai stabile delle risorse disponibili (-4,6% rispetto al 2010), di un calo ulteriore di 166.000 euro di fondi dalla Regione nel 2016, e di una domanda crescente di servizi (+10% iscritti alle scuole superiori dal 2012).
    In particolare si registra un risultato positivo pari a 55.000 euro. Il valore della produzione resta stabile, attestandosi sui 28.602.000 euro. In un contesto di continuo calo delle risorse, Agenzia ha scelto di difendere i servizi offerti (mantenendo la produzione chilometrica) a scapito degli investimenti infrastrutturali, che quest'anno hanno registrato una temporanea contrazione. I passeggeri trasportati nel 2016, dopo un aumento del 5% nel 2015, restano stabili a 13.583.000 (-0,7% rispetto al 2015). Nel 2016 i chilometri prodotti sono 12.431.592, in linea con le richieste del Piano di riprogrammazione del trasporto pubblico di Modena 2013-2015, e in leggero aumento (+0,7%) rispetto a quelli prodotti nel 2015, per alcuni interventi di potenziamento dei servizi in orario scolastico.
    La Proposta di bilancio, presentata il 24 maggio agli Enti locali soci dall’Amministratore unico Andrea Burzacchini, è stata approvata all’unanimità. Presenti 14 Comuni e la Provincia, per un totale del 95% delle quote del capitale sociale.

Notizie

  • RUMOBIL, prosegue il lavoro di aMoRUMOBIL, prosegue il lavoro di aMo

    Prosegue il lavoro di Agenzia nell'ambito del Progetto Europeo RUMOBIL, che ha l'obiettivo di migliorare la risposta alla domanda di mobilità nelle aree periferiche e rurali. aMo ha aderito al progetto portando l'esperienza del Prontobus di Castelfranco Emilia, servizio non convenzionale nato proprio per collegare un'area rurale a bassa domanda di trasporto al centro cittadino e alla rete ferroviaria nazionale.
    Nell'ambito del Progetto è previsto lo sviluppo di un'azione pilota per migliorare l'accesso al Prontobus, attraverso l'introduzione di un software in ambito web e mobile che faciliti e renda più efficiente la gestione delle prenotazioni su chiamata. Il software verrà fornito dalla AICOD di Parma, che si è aggiudicata la gara indetta da aMo.
    Nel mese di aprile si è inoltre proceduto ad un'indagine telefonica presso l'utenza abituale del servizio a chiamata di Castelfranco. Sono stati contattati circa 300 utenti, ai quali è stato chiesto di rispondere a 5 domande aperte per approfondire le aspettative rispetto alla possibilità di migliorare il servizio con gli strumenti offerti dal Progetto RUMOBIL, aumentandone l'utilizzo e la conoscenza presso la cittadinanza. Metà degli utenti interpellati hanno collaborato. Tra le persone che hanno partecipato all'indagine alcune verranno premiate.

In caricamento...